mercoledì 13 luglio 2011

Il libro sul comodino #2



Ho scoperto questa autrice e il suo libro un pò per caso. Sapete quando navigate in internet senza una precisa meta e vi imbattete in un sito senza neanche volerlo?
Bene, è quello che è successo a me con il blog di Chiara.
La cosa che mi ha sempre attratta di un blog sono i suoi colori, il suo header, ma soprattutto il contenuto che può interessarmi come no. E quello di Chiara era uno dei blog che a prima vista avrebbe potuto non interessarmi affatto (solo per il contenuto, poichè i colori e l'header sono quelli che mi hanno colpita da subito!).
Neanche a farlo apposta in quel periodo stavo cercando un libro da leggere, di quelli come li chiamo io "non molto impegnativi", nel senso che, poichè dedico alla lettura l'ultima parte della mia giornata, e cioè a letto, la sera, poco prima di dormire, non voglio un libro tipo "Il Codice da Vinci" nel quale devo sforzarti di capire come vanno le cose, ma un libro dal testo scorrevole, che si lascia piacevolmente leggere.
Leggendo alcuni post del blog di Chiara, mi rendo conto che lei ha scritto un libro...QUELLO CHE LE MAMME NON DICONO.
E' così che inizio a cercare su Google riferimenti su tale libro, recensioni ed impressioni, e dopo aver fatto una scorpacciata di tutte le informazioni possibili ed immaginabili, decido che il giorno dopo devo fiondarmi assolutamente in libreria per acquistare questo libro!
Ho girato almeno 4 librerie prima di trovarne una che avesse finalmente questo libro (sold out dappertutto), e nel momento in cui ho chiesto all'ultima commessa di darmelo, lei ha esclamato: "ottima scelta!Bellissimo questo libro! Vedrai, è tutto da ridere, ti piacerà un sacco!". E così è stato.
Il libro di Chiara, proprio come il suo blog, parla principalmente della vita di una ragazza che si ritrova a dover affrontate una gravidanza inaspettata. Ma il bello di questo libro è che non solo si parla di quella che diventa la vita al pensiero di dover avere un figlio e al conseguente "dover organizzarsi" per affrontare il futuro con lui, ma anche di tutta quella vita spensierata e delle amicizie che la circondano.
Insomma, una vera e proprio autobiografia, nel quale si parla del pre e post parto, con "gioie e dolori".
Si affrontano temi più seri e temi più leggeri, sempre con una certa ironia, e devo dire che mi ha preparata all'evenienza di una futura gravidanza con quella dose di tranquillità che proprio ci vuole.
Il titolo del libro prende essenzialmente spunto dalla frase che lei ha pronunciato proprio nel momento in cui ha scoperto il risultato del suo test di gravidanza :"Ma che davvero?" ( detto alla romana!) :)





Vi riporto la quarta di copertina:

"Lei ha 27 anni e crede nel mojito, nella carriera, nel suo uomo e nei viaggi improvvisati. La nana ha cinque settimane e abita la sua pancia. Scoprirlo è uno shock, "fare la mamma" sembra un'attività totalizzante, incompatibile con libertà, sogni, ambizioni. L'autrice decide di affrontare la situazione armandosi di buoni propositi, ma soprattutto di ironia. Qui si sostiene che è buono e giusto conservare la parte migliore di sè - quella divertente, folle, avventuriera - anche dopo un figlio. Che l'istinto materno a volte arriva e altre volte è in ritardo. Ma anche che esistono momenti neri che nessuno racconta, che dopo un mese di neonato ne servirebbero tre di psicoterapia, che tanto è normale rimpiangere il "prima".
Dimenticate la mammina che chiama il figlio "angioletto" anche se non dorme da quindici settimane, quella che considera il parco giochi una botta di vita e decanta le gioie delle vacanze coi nonni. Preparatevi a scoprire tutta la verità riguardo alla vita col pupo, e anche gli esilaranti retroscena di pappe, giochi e ninne nanne.
Un libro dedicato alle donne che si sentono troppo giovani per fare figli, a quelle che ci pensano ma non sanno cose le aspetta, a quelle che già ne hanno e certe volte, con tutto l'amore del mondo, vorrebbero fuggire alle Bahamas".

Leggendo questo libro, credo che l'autrice sia stata davvero l'unica donna che abbia mai conosciuto, che abbia avuto il coraggio di dire quello che realmente una donna incinta possa pensare, di quello che una donna appena diventata mamma pensi e che magari non vorrebbe dare a vedere per "paura del giudizio altrui". Ed è proprio questo che caratterizza questo libro: la sincerità ed il coraggio di parlare di un argomento tanto delicato quanto difficile, con la giuste dose di leggerezza e di ironia che non guasta.
Grazie Chiara per avermi deliziato con il tuo libro e il tuo modo sempre perfetto ed esilarante di scrivere!
Ah...e importantissimo: un bacetto alla tua "Porpi"! :P

Se volete seguire Chiara la trovate qui:

Twitter (meglio conosciuta come Wonderlad)
Facebook (Quello che le mamme non dicono)
Blog (ma che davvero?)

QUELLO CHE LE MAMME NON DICONO:
Editore: Rizzoli
Data di uscita: 12/05/2010
Pagine: 261
Prezzo: € 16.50


Etichette:



2 Commenti:

Alle 26 luglio 2011 07:23 , Anonymous Francesca ha detto...

Mi hai incuriosito ancora di più, mi sa che corro a comprarlo anch'io :-)

 
Alle 3 settembre 2011 13:18 , Anonymous stef ha detto...

Ciau..t ho scoperto ora..x caso..cm te col blog di chiara..e qst libro m incuriosisce abbastanza..con la vita che diventa sempre piu piena d impegni e difficile a volte,c vuole un libro simpatico!lo cercherò!!!^^

 

Posta un commento

I vostri commenti sono sempre graditissimi!! ^_^

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page

>Newer Posts >Older Posts
<--Second Sidebar -->

      

Amando.it
Paperblog